Ansia e attacchi di panico come gestirli

L’attacco di panico viene definito come una “preoccupazione eccessiva e persistente per un evento imminente”. Non importa se l’evento sia preoccupante o no in sè, ognuno può provare ansia per qualsiasi motivo.

Sentirsi ansiosi è comune e può colpire chiunque, a qualsiasi età. Gli episodi possono variare in serietà e frequenza. Ma la costante preoccupazione e la paura possono essere problematiche per una vita serena e sana.

Ecco perché conoscere il tipo di ansia di cui soffri può essere utile per trovare una soluzione, dice Claudia De Masi , psicologa Roma specializzata in terapia Breve Strategica.

Tipi di disturbi d’ansia

I disturbi d’ansia sono suddivisi in cinque tipi principali :

    • Disturbo d’ansia generalizzato: ansia cronica caratterizzata dalla preoccupazione esagerata e da tensione, di solito concentrata su eventi e risultati futuri.
    • Disturbo ossessivo-compulsivo: pensieri ricorrenti indesiderati (ossessioni) o comportamenti ripetitivi (compulsioni). I comportamenti vengono spesso eseguiti con la speranza di prevenire o scrollarsi di dosso pensieri ossessivi. Ma questo fornisce solo un sollievo temporaneo; non eseguirli marcatamente aumenta i sintomi d’ansia.
    • Disturbo da panico: episodi inaspettati e ripetuti di paura intensa accompagnati da sintomi fisici.
    • Disturbo da stress post-traumatico: si sviluppa dopo un evento terrificante o in una situazione in cui si è verificato un grave danno fisico o un lutto.
    • Disturbo d’ansia sociale: travolgente ansia e eccessiva autocoscienza nelle situazioni sociali quotidiane.

Ansia e attacchi di panico

Sebbene l’ ansia possa alimentare un attacco di panico , è una condizione separata che può essere graduale e cronica. (Ecco perché non esiste un “attacco d’ansia”.)
Gli attacchi di panico, al contrario, sono caratterizzati da un intenso e travolgente senso di paurain risposta a una minaccia imminente. Gli attacchi di panico, spesso brevi, sono provocati dalla risposta del “combattimento o fuga” del corpo – un processo naturale e adattivo che aiuta a combattere il pericolo oppure a scappare da esso.

Questo processo può essere attivato in qualsiasi momento in cui percepiamo di essere in pericolo – e può succedere nel contesto di qualsiasi disturbo d’ansia o stress.

Se qualcuno ha paura dei cani, incontrare un cane non familiare potrebbe scatenare un attacco di panico“, l. “Qualcuno che ha ansia sociale o si preoccupa di essere giudicato negativamente dagli altri potrebbe avere un attacco di panico quando pronuncia un discorso o si presenta a nuove persone“.

Sintomi di un attacco di panico

Per alcune persone, gli attacchi di panico sembrano venire fuori dal nulla o sono scatenati da sensazioni di disagio nel corpo

I segni di un attacco di panico includono:

    • cuore che batta forte
    • Mancanza di respiro
    • tremolio alle mani o al corpo
    • Dolore al petto che viene scambiato per infarto
    • sensazione di soffocamento
    • nausea o mal di stomaco
    • formicolio alle mani o piedi
    • sensazione di freddo o caldo
    • sudorazione
    • paura di morire

 

Gli attacchi di panico possono manifestarsi rapidamente e solitamente durano una decina di minuti . La maggior parte degli attacchi si risolve in tempi relativamente brevi, entro 30 minuti per la maggior parte delle persone.

Né sono pericolosi: “Gli attacchi di panico non durano per sempre; il panico si ridurrà da solo, anche se non farai niente “.

Come fermare un attacco di panico

Se si verifica un attacco di panico, cosa fai?
Cercate di diventare consapevoli dell’ambiente circostante e delle esperienze sensoriali. Un buon modo per calmarsi è quello di respirare profondamente, per esempio.

“Spesso un attacco di panico si ferma quando si elimina l’intensità iniziale con cui si è verificato e si lascia scendere. Cercate di essere presenti a voi stessi in quel momento, può essere utile. Orientatevi verso ciò che vi circonda. ”

Gli ¬attacchi di panico sono rari, non dovresti vivere nella paura. Gli attacchi frequenti diventano un problema quando causano disagio e causano il ritiro da attività o responsabilità.

“A volte le persone temono di avere un altro attacco di panico e inizieranno a evitare di svolgere attività che potrebbero portarne una”, Ciò può causare un danno significativo.

“Se gli attacchi di panico o l’ansia rendono difficile vivere la vita nel modo desiderato, o se causano angoscia, potrebbe essere il momento di cercare un aiuto professionale, confrontatevi con uno psicologo o psicoterapeuta”.

La terapia comportamentale cognitiva e gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) sono i trattamenti di prima linea basati sull’evidenza per l’ansia sempre con la prescrizione di uno specialista.

La terapia comportamentale cognitiva si concentra sull’individuazione e l’indirizzamento di pensieri e comportamenti legati all’ansia. Spesso comporta l’incontro con un terapeuta settimanale e la pratica di strategie pratiche ogni giorno per gestire pensieri e comportamenti ansiosi.

Gli SSRI vengono assunti quotidianamente e possono aiutare a regolare i livelli del neurotrasmettitore serotonina nel cervello, che può influenzare l’umore e l’ansia. Esistono molti tipi di SSRI. Un fornitore di farmaci determinerà quale è la migliore per te e ti incontrerà regolarmente per monitorare i benefici e gli effetti collaterali.

Articoli correlati