Difendersi naturalmente dalle zanzare

zanzaraCome difendersi dall’insetto più fastidioso che colpisce soprattutto in estate? Ti piacerebbe conoscere dei rimedi assolutamente naturali per difenderti dagli animali “succhia sangue” per eccellenza? Parliamo, chiaramente della zanzara!!!

Bene, in questo articolo, ti svelerò dei metodi antizanzara naturali. In commercio, esistono quantità innumerevoli di prodotti antizanzare, ma alcuni di essi, oltre ad essere cari, risultano particolarmente aggressivi all’olfatto.

A pungere, forse non lo sapevi, sono le zanzare femmine, in quanto ne hanno bisogno per ricavare le sostanze ricche di proteine che necessitano per far maturare le proprie uova. Mentre i maschi, invece, si cibano soltanto di liquidi zuccherini dei vegetali, come i nettari dei fiori. Le zanzare sono molto attratte dal calore che fuoriesce dalla nostra pelle, dai profumi che mettiamo e dalle bevande dolci come la coca-cola e gli alcolici.

Il prurito che avvertiamo quando veniamo punti dipende dalla saliva che la zanzara inietta per facilitare l’inserimento degli stiletti che servono per cibarsi del nostro sangue. Allora, come difenderci da questi animali “Dracula”? In casa, sono consigliate piante come la Citronella, la Lavanda o i Gerani odorosi, vere e proprie repellenti naturali per l’ambiente.

Esiste, inoltre, una pianta insetticida, la Neem, direttamente dall’India, della quale può essere utilizzato l’olio che ne viene estratto da versare sulle candele o, nella versione profumata, si può applicare direttamente sulla nostra pelle.

Un prodotto davvero fantastico. E, se non siamo riusciti a proteggere adeguatamente la nostra pelle, possiamo ricorrere a dei metodi naturali per alleviare il prurito post puntura. Da evitare l’uso dell’ammoniaca, perché aggressiva, brucia e ustiona la pelle, mentre è bene utilizzare delle creme lenitive che applicate sulla parte colpita, danno sollievo. Ma, il metodo più utile e più economico è sicuramente il ghiaccio che va applicato per circa due minuti un paio di volte a distanza di 30 minuti sul punto dove la zanzara ti ha morso.

Scritto dallo staff di benessereesalute.eu

Articoli correlati