Assicurazione viaggio: un nuovo strumento a favore di turisti e aziende

In Italia la parola “assicurazione” fa sempre un po’ storcere il naso. Sarà perchè siamo abituati al fatto che certe cose dovrebbero essere “scontate”, sarà perchè in tema auto ci sono i prezzi più alti d’Europa, sarà per la crisi, che non riesce a infilarsi tra il bisogno di una sicurezza e l’impiego di capitali economici per ottenerla, si è sempre un po’ scettici riguardo questo tema.

Statisticamente è stato dimostrato che l’assicurazione auto è l’unica posseduta da tutti, ma solo perchè obbligatoria.

Eppure pagare un’assicurazione, in certi casi, si può rivelare molto importante, se non fondamentale.

L’assicurazione sul lavoro, infatti, protegge da eventuali incidenti avvenuti durante le ore lavorative, o sul posto di lavoro, ma non solo; è possibile estendere la copertura anche ad un’ora prima e un’ora dopo l’orario d’ufficio, riuscendo a gestire anche eventuali imprevisti accaduti andando al lavoro o tornando verso casa.

Più o meno il concetto è lo stesso per le assicurazioni viaggio.

La necessità di istituire uno strumento come questo è nata nel momento in cui ci si è resi conto che il momento più atteso dell’anno, talvolta persino della vita, poteva trasformarsi in un’angoscia senza fine o, peggio, una cattiva esperienza. Si stima infatti che 1 viaggio su 20 venga annullato per motivi personali o legati al meteo, tra il malcontento generale dei viaggiatori. Infatti, con l’avvento dei voli Low Cost, molte delle coperture prima garantite di default per tratte costose sono venute a cadere, destabilizzando il sistema turistico e di trasporto.

L’idea, in principio, è nata proprio per assicurare i viaggi di lavoro, in modo da non creare problemi alle aziende e alle relative attività.

Si è poi pensato di estendere la cosa anche ai viaggi di piacere che, molto spesso, si ritrovano ad essere annullati senza possibilità di rinnovo. Qualunque fosse la cifra investita si perde, sostanzialmente.

Stipulando un’assicurazione viaggio online, ad esempio, che è tra quelle più utilizzate per la facilità d’impiego, è possibile avere assistenza in caso di imprevisti, qualunque sia il mezzo utilizzato per coprire la tratta: aereo, treno, nave o anche mezzo personale.

Le opzioni sono due:

  • assicurazione annullamento viaggio
  • assicurazione sanitaria viaggio

Nel primo caso, qualora per un qualsivoglia motivo venga annullata una tratta già pagata, una quota o l’intero importo versato alla compagnia o all’agenzia può essere recuperato in breve tempo.

Nel secondo caso, invece, la tutela riguarda i servizi sanitari offerti fuori dal nostro Paese.

Infatti, molto spesso, è noto che all’estero non esistano servizi sanitari gratuiti, come invece siamo abituati in Italia.

Per questo motivo un malessere o infortunio potrebbero diventare dei grossi ostacoli, in termini fisici, psicologici ed economici, fuori i nostri confini nazionali!

Con un’assicurazione viaggio sanitaria, invece, tutte le spese mediche da sostenere sarebbero rimborsate dalla compagnia.

E’ prevista anche una clausola straordinaria per chi viaggia negli Stati Uniti. In questo caso, infatti,  bisogna dotarsi di un’assicurazione viaggio USA, specifica per districarsi tra i numerosi cavilli burocratici che esistono negli States in materia sanitaria.

Il consiglio è quello di valutare tutte le offerte presenti sul mercato attraverso preventivi e di affidarsi ad opzioni che riguardino anche più trasferte, all’occorrenza, dando la possibilità di importanti sconti sul prezzo finale.