Materasso sottovuoto: come si usa, istruzioni

Quasi sicuramente avrai sentito parlare di verdure sottovuoto, carne sottovuoto, salumi sottovuoto… E di materassi sottovuoto? Eh già, esistono anche loro e possono tornare decisamente utili, scoprine le caratteristiche e i vantaggi continuando a leggere!

Cosa vuol dire sottovuoto?

Una volta concluso il processo di produzione, il materasso viene pressato riducendone il volume del 25%. L’aria presente al suo interno, infatti, viene fatta fuoriuscire ricreando il cosiddetto effetto sottovuoto. Successivamente, il materasso viene inserito nel suo imballo e quindi sigillato.

Non si tratta, in effetti, di un processo di aspirazione dell’aria come accade, ad esempio, per gli alimenti, ma di un procedimento di compressione e di imballo del materasso che non lo danneggiano ma che invece consentono di arrotolarlo su se stesso sigillandolo.

I vantaggi dei materassi sottovuoto

Sempre più produttori vendono e consegnano i propri materassi sottovuoto e questo perché comporta non pochi vantaggi, sia economici che ambientali.

Partiamo dai vantaggi pratici, un materasso compresso e arrotolato su se stesso può essere facilmente trasportato da una sola persona per una rampa di scale o in ascensore. Se necessario può anche stare comodamente nel bagagliaio di praticamente ogni tipo di vettura in commercio.

I materassi sottovuoto occupano meno spazio sia in fase di stoccaggio che di spedizione, cosa che permette di trasportare più materassi in uno stesso camion, ottimizzando gli spazi e limitando l’inquinamento. Anche l’ambiente può beneficiare dei materassi sottovuoto!

Lo spazio minore necessario in termini di stoccaggio e consegna si traduce in costi minori per l’azienda produttrice e, di conseguenza, per te, consumatore finale!

Il confezionamento del materasso sottovuoto permette, inoltre, di isolarlo in condizioni igieniche controllate e di mantenerlo al riparo da batteri, virus e altri agenti che si propagano nell’aria.

Istruzioni: quali acquistare e come utilizzarli

Tutti i tipi di materasso possono essere confezionati sottovuoto ma alcune categorie sono più adatte rispetto ad altre.

I materassi in memory foam e i materassi in schiumato ad acqua sono molto resistenti e non hanno molle all’interno della loro struttura, di conseguenza sono perfetti per essere confezionati sottovuoto senza subire il minimo graffio. Anche con altri materiali è possibile utilizzare questa tecnica ma è molto importante non lasciare i materassi arrotolati per troppo tempo.

Una volta acquistato il tuo materasso sottovuoto è importante seguire alcune indicazioni tecniche per poterne godere senza intaccarne qualità e comfort.

Non utilizzare subito il materasso ma aprilo e srotolalo, aspettando che assuma nuovamente lo spessore originario. Dovrebbe riposare per almeno 4 ore, anche se 12 ore è l’ideale. Ancora più importante è non lasciare il materasso sottovuoto arrotolato e imballato troppo a lungo per non pregiudicarne le caratteristiche.

Una volta “gonfiato” potrai dormirci comodamente come un qualsiasi altro materasso.

Sogni d’oro!

Articoli correlati